Pekkessì

pekke

CoreIngrapho, come tante altre cose nell’esperienza di molti, sembra nascere da una chiacchierata superficiale tra amici:  invece pone radici in un’esigenza consistente e condivisa.
CHE NON È (già vi vedevo che facevate sìssì lasò colla testa) quella di creare web-comics con la stessa potenza sanguigna della narrativa naïf che trabocca dalla blogosfera. A questo scopo tanti si son già aperti un blog per i cazzi loro e, bene o male, risponde alla bisogna.

Certo anche qui si vorrebbe pubblicare roba che puzzi di autentico e  intima esperienza, non di riciclaggio altrui in un background rapinazzato da MTV o Dawson’s Creek.
Inciso: tipo a me fanno ridere quei rappers all’amatriciana che fanno colle mani le mosse da gang di LA e poi il massimo della criminalità l’hanno prodotto suonando i citofoni d’un condominio.
A Frosinone.
Ma fammi il piacere, vammi a comprare due etti di pancetta… e shtatte fermo co’ ‘ste mani che me pari scemo, figlio.

L’esigenza a cui mi riferisco è di un confronto maturo tra Autori in un’arena comune: sorridere mandandosi a cagare di spalle; rubarsi idee e modi; lasciarsi commenti incazzati perché quella trovata era mia e comunque già lo faceva Segar nel ’38; prodursi in barocchismi grafici e verbali alla ora te lo faccio vedere io!, mandarsi nascostamente email complici in cui si afferma con equilibrio che solo io e te valiamo qualcosa e gli altri sono una massa di cazzoni scarsi.
E ladri.

In poche parole: crescere singolarmente e far crescere il web-comic in un laboratorio ricco di agonismo (pro)positivo, ché di club de “Siamo i Meglio e Facciamoci le Carezze” c’è ne sono anche troppi e causano la caduta delle palle.
Mò, qui non si vuole rifare Sparta, però un po’ di schiettezza costruttiva fa solo bene a noi mammoni di natura.
AH! E neanche s’intende dover chiudere i blog personali: solamente contribuire di tanto in tanto con materiale ORIGINALE e ispirato.
Hai detto cazzi
, l’ho sentito chiaramente.

Be’, vediamo che succede.
Ché, come tante altre cose nell’esperienza di molti, i progetti nati da una chiacchierata superficiale possono rivelarsi cosa buona o immane cazzata.

Per chi volesse collaborare, i feroci dettagli (e dettàmi) sono in questa pagina qui.

Mak

4 risposte a Pekkessì

  1. Pingback: Coreingrapho » Il fumetto, porca miseria

  2. Pingback: Coreingrapho » Tutto è pubblicato. Ovvero il bello di chiappare lo straccino.

  3. Pingback: Coreingrapho » La rivista fuzzy che si fa comunità. Nuovi coreographi: Laura Scarpa e Estebans

  4. Pingback: Coreingrapho » Happy Birthgraph to you. Ovvero: un anno scrollato pericolosamente. Ovvero *riempi con un altro gioco di parole che NON funziona*.

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>