Dolce finale

Info su mauro biani

E' lo scultore e il disegnatore più bello in circolazione, nonché leader indiscusso nel settore vigne & satira – quellavera -. Con chi conferma queste due semplici evidenze nell'ordine soscritto, sa essere modesto, accogliente e simpatico. Qui c'è il suo u-topos virtuale: (blog).
Questa voce è stata pubblicata in Long Tales e contrassegnata con . Contrassegna il permalink.

10 risposte a Dolce finale

  1. Harlock scrive:

    Cazzo.
    Il Biani, sempre una spanna sopra.
    Lo dico da sincero(?) ignorante quale sono: certe volte per me quella spanna è pure troppo.
    Stavolta, no.
    Applausi.

    (poi graficamente mi piace moltissimo. è di un’eleganza e al contempo di una naiveté – si scrive così? – imbarazzanti. imbarazzanti nel senso buono, intendo.)

  2. makkox scrive:

    la spanna c’è per come rischia, dico io.
    stavolta quella dida in fondo alla vigna è stato uno scaletto che m’ha aiutato a comprendere, l’ho apprezzato. parlo per me.

  3. flaviano scrive:

    bello, bravo. anzi mo quasi quasi l’offendo così facciamo 100 commenti…
    il passaggio al digitale è stato un saltone comunque e continua a migliorare.

  4. skiribilla scrive:

    Non facile e non immediato, vien da leggerlo e rileggerlo finché entra sottopelle.
    Bellissimo.

  5. Mauro Biani scrive:

    Rischio? Boh. Dicevo stavolta è proprio “roba presa di petto” mio. Attendo martellate in capa.

  6. m@nu scrive:

    Sincera, questo mi piace.

    Ammetto che senza la dida in fondo avrei faticato a coglierla, ma con essa tutto torna.

  7. Estebans scrive:

    biani rischia.
    questo mi piace.
    se ne sbatte -credo- del rischio “see, ha buttato giù la poesiola”.
    biani si stura un orecchio (che così visualizzo la colata di immagini e parole di quest’ultima opera) e lascia scender giù pensieri e figure.

    il pasolini del finale di mamma roma (col suo agghiacciante borgataro in mutande e canottiera a salmodiare allucinato su un tavolaccio di contenzione, in un tagliente b/n) e il picasso di guernica si sono dati appuntamento su questo nastro di carta moschicida in forma di scroll.

    biani rischia, l’ho detto?

    E.

  8. rael scrive:

    appendemmo alle fronde del salice le nostre coscienze, in attesa del primo che avrebbe dato il via alla carneficina.

  9. Mauro Biani scrive:

    Sì Rael, o -attendendo che qualcuno facesse il lavoro sporco per noi-.

  10. eve scrive:

    è vero, non è immediata… ma cavolo quant’è bella…

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>