BFOM (Best Friend Of Mine): Lidia

Be’, l’esercizio sulle calzature fa nuovi adepti. Bello.
Ah, ed Emanuelesi dal 3 al 27 aprile è presente con una personale alla APW Gallery di Long Island City (NYC). Magari chi si trovi da quelle parti può farci un salto, dargli una pacca sulla spalla e con voce bella potente proclamare “uè, guagliò ma tu vir’ n’docazz’ sei arrivato!“, che a una personale fa sempre il suo bell’effetto ;)
Complimenti emanuè!

Click here for english version ->

Tutte le tavole della serie BFOM – All BFOM strips

Info su Emanuelesi e Rael

Emanuele Simonelli lives in New York. Appreciate student of Pataphysics, he collects the meanings that people figure out from his pictures. Every person a different meaning...people are brilliant. www.emanuelesi.com - Barbara Delfino lives near Turin, Italy. She writes and reads. Not less, not more. She loves lolcats’ pics and red bull. www.rael-is-real.org
Questa voce è stata pubblicata in Long Tales e contrassegnata con , , . Contrassegna il permalink.

49 risposte a BFOM (Best Friend Of Mine): Lidia

  1. riccionascosto scrive:

    Mi piace, Lidia.
    E pure il suo colpo di tacco finale.
    Perché poi, davvero, è questione di stomaco.

    (E complimenti a Emanuele, sì)

  2. makkox scrive:

    concordo con riccio.
    m’è piaciuto che la discesa nel pozzo riservasse un’ultriore botola in fondo.
    (ma mò chi lavora in fiat non se la prenda!)

    e questo era per la storia.

    graficamente trovo coraggioso l’uso di colori primari. soprattutto a monitor che vibrano di brutto.
    coraggioso perché a tinte cipria come faccio io suona sempre bene, è come canticchiare a bassa voce, invece coi colori primari è provare a intonare un pezzo a pieni polmoni. e lì o sai cantà o fai ‘na figuremmerda.
    io dico che emanuele canta bene. cavolo.

  3. Harlock scrive:

    Son scemo.
    Ho capito adesso che quelle righe bianche che parevano errori da copia-incolla ritagliano invece delle sagome di scarpa dritte e poi capovolte.
    Per i colori sarà il mio monitor ma ora son mezzo cecato.
    Dev’esse per questo (e perché mi piacciono da matti quelle due gambe colle calze in chiusura) che me la sono immaginata tutta in bianco e nero, tipo cliché.
    Eh, ce lo so, son monotono. :)

    Intensa.
    Anche (o proprio) nella sua brevità.

  4. Rael scrive:

    siamo sponsorizzati dalla Pantone e dall’Associazione Oculisti del Wisconsin, io ed Ema.
    :)

  5. Rael scrive:

    anche di culo perché sia solo una possibilità remota a cui attingere se sei proprio all’ultimo e invece ti arriva un’alternativa. :)

  6. Leon scrive:

    Che dire a questi giovinotti.
    Il prete con inciso BXVI sulle scarpe che lascia un’impronta rosso sangue con la croce, mi ha fatto prendere un treno tutto mio. Appena tornato mi sono goduto il resto. Sono contento perchè stavolta ho letto il tutto senza avere necessità di ripassare, come mi succede di solito con Rael, per capire chi era l’assassino. Ma stavolta sono dovuto tornare indietro per mettere a fuoco gli stacchi di colore di Emanuele, e leggerci dentro le varie calzature.
    Insomma con voi, di riffe o raffe, due botte tocca dargliele!!!
    Benissimo ad entrambi, per me la lega si salda sempre di più!
    Complimenti
    Leon

  7. flound scrive:

    so good, elwood.
    so good, emanuele.

  8. wallyci scrive:

    Mi piace molto che si sovrappongano figure ritagliate e ritratti con anima. Davvero una rappresentazione grafica magistrale.
    E anche la storia è molto bella. Concordo con Leon: stavolta non si deve andare a controllare se lo scappellamento va a destra o a sinistra ;-)

  9. giulia scrive:

    piaciuto molto. da rileggere per cogliere sfumature e piccoli inganni grafici e non che aggiungono ogni volta qualcosa. notevole in una cosa breve.
    poi, da profana, mi stupisce come il segno riesca a essere diverso ogni volta.
    bravi

  10. Flaviano scrive:

    beeeelo! vabbè io col meretricio ci vado a nozze! la chiusa m’ha fatto venire in mente che una storia a se la meriterebbero le “scarpe antinfortunistiche”
    averci pensato prima…

  11. Roberto scrive:

    Gia’ la frase iniziale da sola “Ça vaut le détour”.
    Eppoi Emanuele mi ha stupito per quanto sa adattare il suo stile (cheffaccio, lo mando a lui il conto dell’oculista?)
    E poi la chiusura, bellissima (Manliooo??).
    Applausi.
    (Anche se la piu’ bella vostra per me resta Mattia – anche se li’ non avevo commentato – Ehm, scusa Rael ;-( )

  12. Bluezy scrive:

    Ho sempre intravisto nelle vostre linee e testi un tratto alla Carver (non so se vi ci possiate riconoscere o meno, è ovviamente una sensazione personale), quel malessere sotterraneo, la traccia nascosta, un qualcosa che disturba in sottofondo, ma mai chiaramente rivelato. Qui siete più diretti, più aperti e meno mediati, ovviamente anche nei colori appunto primari, ma il pugno sullo stomaco finale sempre di Carver è.
    Bello.

  13. Estebans scrive:

    prima di tutto quell’uscire dal concetto di se stessi, che eco ci scriverebbe sopra un trattato su significato e significante, quelle due scarpe blu che si denudano restando pelle e cuciture scivolando fuori dal blu elettrico trasparente dietro cui si nasconde come una puttana romanticissima la donna seduta sul letto, un separè di colore,
    quasi come mettere mani ad un proiettore a bobine e mandare le pizze al contrario,
    proiettare in rewind la “classe operaia va in paradiso”,
    escher che si impossessa di saudelli e gli impone la disciplina del contenitore (la scarpa) piuttosto che il contenuto (il piede),
    e poi
    il riassunto di una vita e un trattato di psicologia in quel lapidario “divenne divertente scoprire la tristezza”, controcanto fiero alla pavida vile maschile melanconia post coito.

    “poi entrai in fiat” dovrebbe far parte della sigla de “la storia siamo noi”, tra quelle voci fantasma che un cursore audio traforma in istantanee vocali.

    sentite anche voi l’odore di quelle bambole da sorella fatte di cartoncino, con i loro vestiti piatti e finti applicabili con piccole linguette ripiegabili?

    E.

  14. Rael scrive:

    so che potrebbe sembrare spocchia, ma io non ho mai letto Carver. Magari Ema sì, ma un mio ex fidanzato si bullò di avermene preso un libro da regalarmi ma non fece in tempo a darmelo, scoprendo di essere gaio e misogino.
    quindi, se riferimento letterario o stile c’è (ed è comunque un complimento!) purtroppo o per fortuna è involontario. Almeno da parte mia.
    Dice bene Este con il timbro La Storia Siamo Noi, sarà che per cultura e formazione gli anni ’70 mi son vicini, con i licenziamenti in Fiat causati da brugole e cacciaviti infilati apposta negli armadietti dai Capo. Ma non possiamo cancellare le nostre radici e le nostre sensazioni primarie, che per me sono appunto questo e un film italiano che non ho mai più visto e di cui non so il titolo: lei lavorava di giorno, lui di notte, e si incontravano solo il tempo della colazione o del bagno. Cosa darei per saperne almeno il titolo.
    E, poi, c’è la mia formazione da tintometrista, coi colori primari, il triangolo e il cerchio, la x e la y della tavola tintometrica. Ema mi ha fatto un regalo, con il magenta e il cyan.

    grazie a tutti.

  15. makkox scrive:

    Non so se st’amichetto tuo fosse gaio e misogino. Sicuro cià fatto la figura del ricchione che cià sulleballe le donne.

    Carver, minchia, non averlo letto però è grave.
    Raymond Carver.
    Il mistero del falcone pugliese, Il grande slip. Capolavori che non possono essere igniorati da chi cometè.
    eccheccazz…
    non farti sentir dire una roba del genere o qualcuno t’apostroferà
    Vuoi stai zitta per favore?

  16. Skiribilla scrive:

    Bà, il film sarà mica La classe operaia va in paradiso, con Volontè (mon amour)?

    I pensieri del vario prostituirsi mi sa che son toccati, una volta o l’altra, a tutte.
    Oltre a quella più eclatante ce ne sono altre forme talmente subdole e sottili che a volte credo non ci se ne accorga neanche.
    E invece.

    Grande striscia, grande cuore, la malinconia sempre presente nelle storie di Rael ed Emanuele che ancora una volta sorprende per l’empatia con Barbara.

  17. Willy scrive:

    Rileggendo l’intera serie salta all’occhio come i disegni siano diventati sempre più segni che non riscrivono un semplice momento, come nelle prime due istantanee, ma condizioni esistenziali, se mi passate la parolaccia. Il tutto dona a BFOM un movimento interessantissimo che ci sposta ‘dentro’ e ‘in alto’ (anche la struttura diventa sempre più verticale).
    Se non è programmatico, non che sia una discriminante in ogni caso, dimostra ancora di più quanto siate bravi :)

  18. bluezy scrive:

    hehehe….e vabbe’ dai era un complimento per Ema e Rael…..povero Carver…”Il grande slip “….ommmadonna…;)

  19. Rael scrive:

    Adesso ho capito perché m’ha lasciato. “Il grande slip”. Ecelodovevo capì, celodovevo.

  20. Rael scrive:

    Clà, ma sai che non lo so? Io ci ho fissa ‘sta scena, che si incrocchiano in bagno, lei si prepara a uscire e lui va a dormire.
    mannaggia. Se è quella lo scar lo compro subito.

    Eppoi, la malinconia. Mannaggia. Io vorrei far ride. Cacchio. Mi metto lì. E ce lo dico: Ora Facciamo Ridere.
    Nella migliore delle ipotesi ci faccio morì la vecchia sotto un tram, nella migliore.
    Mannaggia.

  21. Rael scrive:

    In attesa che Ema finisca il suo vernissage con Carrie e Amanda ti do la mia versione.
    No, non è programmato, anzi. In realtà c’è un lungo svogliatissimo lavoro preparatorio che si risolve nell’isteria dei 5 minuti finali. E, immancabilmente, uno dei due si ricorda che deve andare in verticale.

  22. Rael scrive:

    mmmmm.alfo?

  23. manlio3 scrive:

    Questa volta la sociologia da working class hero mi piace poco, e anche i disegni mi piacciono meno. Caggia fa…

  24. Rael scrive:

    eh, niente Manlio. Ma non è che sia questione di working class hero. È anche questione che in fonderia per il turno di notte a una donna non la prendono.

  25. Rael scrive:

    e quindi la risposta te l’ha già data in aticipo Claudia, poco sopra. :)

  26. manlio3 scrive:

    Nono ma io mica volevo una risposta. Mi piace poco il genere, il tema. Stop

  27. ReCaliscetta scrive:

    Oh, facciamo una cosa.
    Che se voi due magari un giorno avete la possibilità di pubblicare la serie BFOM, io la prendo al volo (prima stampa, che è sempre stiloso avere la prima stampa), vi raggiungo (che vi cerco stile rapinatore) e mi autografate il libro. Oppure stampo per conto mio Lidia e Mattia e poi, come detto prima, vi raggiungo e mi autografate entrambe le stampe.
    Quindi continuate così, su questa strada, che io oramai mi sono innamorato di voi.

  28. makkox scrive:

    …e anche il finale è un po’…
    un po’…

    aiutamaddì, manliù…

    (hehehehe)
    scherzo eh! nun fa che t’incazzi!

  29. emanuelesi scrive:

    finalmente tra voi…
    allora grazie a tutti.

    pero’ qualche appunto ci starebbe bene dal 20esimo commento in poi…
    comincio io:
    ma tua la morale etica sulla prostituzione? Rael, ne vogliamo parla’?

  30. Rael scrive:

    ‘spe’ che piglio er parchetto a Brunetta, ce salgo e me metto a pontificà!
    ndo stà
    ce lago eh

    ohu
    me vedete?
    inizio eh!
    attacco!

    me sentite?

    ma ndo sta er microffono, abbasateloooo

  31. emanuelesi scrive:

    effettivamente quelli sono proprio errori da riempimento con secchiello PS,
    ho anche provato una versione senza, ma poi li lasciai…

  32. manu scrive:

    piaciuta.

  33. Flaviano scrive:

    “l’uomo telegrafico”

    dì un po ma sei così anche a letto?
    XD

  34. Skiribilla scrive:

    Ti prego, Rael.
    Non fare MAI una sceneggiatura pseudo-dialettale
    come in questo commento, che rabbrividisco mentre leggo
    e mi si digrignano pure i denti per conto loro.

    Dì lo giuro.

  35. Rael scrive:

    va bene torno al linguaggio natìo e parlerò solo sabaudo.
    va bin.

  36. laura scarpa scrive:

    piaciuta. piace lo scorrere, l’inizio, il finale, meno la tristezza dei clienti.
    i colori accesi mi piacciono, ma qui a volte sgradiscono qualche forma affrettata.
    bella coppia sti due, cmq. :)

  37. laura scarpa scrive:

    ah, dimentico sempre qualcosa… fighissimo questo proseguire di scarpe, sempre così diverse, questa anche più! :) e coraggiosa.
    e ora a lobo!

  38. gianluca scrive:

    la prima impressione , arrivato in forndo è stata una esclamazione: DIO. (ora uno ci aggiunga o porco o santo a seconda dei gusti preferiti) il tutto dovuto al forte impatto che mi dato. un pugno nel plesso solare dopo pranzo mi avrebbe fatto meno fastidio, non so per quale motivo forse per il finale così cinicamente preciso,
    apprezo invece molto lo stile grafico, l’alternare i colori, alternare le scarpe, così come la protagonista cambia uomini o meglio cambia rapporti.

  39. manu scrive:

    com…AHHHHHHHHH!!!!!!

  40. Rael scrive:

    as usual, grazie.

  41. Strao scrive:

    Straordinario. Concordo con voi, amici lettori. Un vero pugno nello stomaco. Credevo fosse dovuto ai disegni così dolorosamente minimalisti e ai colori lisargici e invece era proprio la storia. Mi ha commosso. L’ho letto or ora e ho pianto per tre minuti e mezzo.
    Una storia breve ma intensissima ed emozionante, pregna di significato.
    Applaudo e mi prostro. Penso che questa coppia abbia molto da dare all’intero paese. Ce ne fossero di artisti così.

  42. Rael scrive:

    Oh, Strao, grazie Strao, mi stampo il tuo commento, sei uno sprone a continuare, davvero, me lo stampo e lo fisserò per tre minuti e mezzo al giorno. Con regolarità.

  43. emanuelesi scrive:

    ma perche’ solo all’intero paese? io direi al mondo

  44. Barabba scrive:

    ma lidia questa qui è quella lidia della foto di tu sai dove, rael?

  45. Rael scrive:

    :) sì

  46. Pingback: Coreingrapho » La rivista che vagola e svongola. Nuovo coreographo (Ned) e il contest sorridente

  47. madamin scrive:

    bela la storia dal truiun cas cata le scarpe
    ma prima pensa a mangé
    mi a disu che l’è prope real(rael)istica
    e ades a cercu an post in fiat
    ma prima a vadu a mangé co mì,
    madamin

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>