Parlerò delle mie ciabatte

eh vabè, mò non famola lunga però.
che con ’sti argomenti ci vai sempre sul sicuro.
son carte emotive d’alto valore.
certo te le devi saper giocare bene.
laura se l’è giocate bene.
s’è scelta il compito facile, per assurdo.
gli altri compiti di Scòzzari io l’ho letti:
“descrivi la tua ciabatta”
“quella volta che sversò tutto il latte di fuori”
“parla di tua nonna che russa”
“descrivi l’odore dei capelli del tuo salumiere”

bah
facce commuove con uno di quelli -LAURA-
poi parliamo…
poi veniamo qui a fare i Maestri.
ma pensa te…

Ecco, così commentavo assai spiritoso, io, la precedente storia di Laura Scarpa.
Ovviamente, con questa storia m’arriva la tremenda mazzata sul coppino che merito per aver sfidato uno dei grandi Maestri del fumetto italiano qual è Laura.
E posso spoilerare anche altra robina che m’è arrivata dagli autori dicendo solo: il gioco si sta facendo duro.
BENE!

AH, dimenticavo: mi toccherà rispondere alla mia stessa sfida. Cavolo. Flaviano lo sta già facendo e io no?

[Update]
questo è il
tag per richiamare le altre storie a tema.

ciaba_01
ciaba_02
ciaba_03

Info su Laura Scarpa

Dal 78 fa fumetti o ci lavora... Non con grande successo, ma si imparara sempre. Dirige e fabbrica varie riviste Scuola di Fumetto, Blue e, prossimamente, Animals. (questo il suo tlog)
Questa voce è stata pubblicata in Long Tales e contrassegnata con , . Contrassegna il permalink.

78 risposte a Parlerò delle mie ciabatte

  1. makkox scrive:

    hahahahahaha
    sì!
    [errata corrige: anzi no! l'idea è del sofi, ma io l'appoggio]

    vedrete, come al solito alla lunga apprezzerete!
    gnùrant’

  2. Leon scrive:

    a me me piace capo.
    così se due o tre persone si ingolfano su un post, la cosa rimane circoscritta.
    e poi na lustrata al capo ce sta sempre bene.
    vai col tango!

  3. jd scrive:

    ma guarda che c’era già prima.

  4. laura scrive:

    sì, ma fin che nessuno lo sapeva si stava quieti ;)
    questa è incitazione a delinquere!

  5. jd scrive:

    carissima, ahimé sì.
    ;)

  6. flavious scrive:

    comunque io ho capito i perchè e i percome del lavoro di Laura, il perchè di carta, colore deigitale, le storie ecc…
    l’ho capito vedendo quel post sul suo tumblr con zanardi che parla delle droghe
    perchè Laura…………….
    ………….
    E’ UNA TOSSICA!!!!!!!!

    A TOSSICAAAA!!!!! MORTACCI TUA! E NON TENERTI TUTTO PETTE’, CONDIVIDI COLLA MICI TUA NO?!!!!

  7. makkox scrive:

    minchia, mica l’avevo vista quella vigna!
    ma chi frequenta Laura?
    “non capisco chi non ricorra a droghe per eccitarsi o calmarsi…”
    e te lo dico io chi: chi non s’è ancora bruciato l’ipofisi come ‘na lampadina da 100, fratè.
    ma pensa te.

    (hehehe)

  8. Ugoz scrive:

    Mi piacerebbe fare un commento costruttivo del perchè percosa percome, ma ora come ora preferisco di gran lunga godermi questa bella sensazione da lettura e limitarmi a dire che m’è piaciuta da morire

  9. Lobo scrive:

    Ho deciso. Dopo questa storia smetto di disegnare. La storia è stupenda e tu sei bravissima (ma questo lo si sapeva già). Vado a vendere broccoli. Saluti.

  10. flavious scrive:

    se vai a casa di Laura al posto della gondola che cambia colore sul tavolino da te ci trovi il bong con l’acqua.

  11. Rael scrive:

    mannò, Lobo. è che ognuno è un mondo a sé e, spesso, graziealccielo, ci sono ‘ste stelle qua, tipo Laura, che fanno da faro. Uno poi può circumnavigare, girare un po’ a dritta e un po’ a babordo, ma sa che là le acque son quelle giuste e una volta saggiate, imparate, può andarsene per flutti e frangiglie diverse. ché, tanto, sa.
    per esempio, a me fa impazzì come, alla fin fine, non ci sia una storia, ma micro-auto-storie. non c’è una trama, un 1-2-3. ci son tanti pezzetti, tanti mini-scritti che però si legano e ti danno la storia, anche se non c’è.
    questa è arte.

  12. manu scrive:

    ammè sti commenti dei commenti dei commenti dei commenti….
    mi paiono una cagata pazzeska…

    opinione personale eh?

  13. Lobo scrive:

    no no sul serio. Broccoli. E anche a buon mercato.

  14. Pingback: Coreingrapho » La rivista che non ha tempo ma thread. Nuovo coreographo: Cius e quattro nuove tavole

  15. laura scarpa scrive:

    MI Ribello alle risposte a grappolo! (vvvai manu!)
    @Lobo, ma è una vita che leggo fumetti di autori grandissimi, meravigliosi, anche miei coetanei ed amici… non ho disegnato poco per quel motivo, solo perchè mi sono lasciata vincere dalle poche occasioni, dalle difficoltà, dalla vita e dal lavoro che ci mantiene… mi diverto un po’ anche a fare le ricette per i bambini e allora…
    ma le cose da raccontare a fumetti o similia sono la cosa più bella, ho usato Blue per questo, per anni. Ringrazio il web (caffeacolazione e ora core) e le frequentazioni che me l’hanno fatto prendere di punta (mak e core) perché non solo mi hanno dato lo spazio, la sfida diversa, ma spinta a una ricerca che mi sta facendo riappropriare del fumetto, ancora e in evoluzione.
    Io ho 52 e sicuramente dovrei essere più sclerotizzata di voi pischelli, dunque usiamolo tutti sto mezzo bellissimo, e poi anche la carta, il muro e via… cerchiamo di metterci in gioco e anche di giocare. Ecco, io non ho ironia, non tanta, ma leggerezza sì (magari l’avessi pure di ciccia ;)) e questo serve per buttarsi dove è fondo. Si può fare gli errori, per questi i nostri 3 cori non ci censurano, perché poi cresciamo e ce li vediamo… se posso dir la mia in aggiunta (non riguarda te) non riportiamo qui i meccanismi da giornaletto, i giornaletti vanno a morire, questo è lo spazio per provare di più, le strade, come dice Rael, sono tantissime.
    PS ma adoro leggere un libro sul divano eh!

  16. laura scarpa scrive:

    nn è zanardi, è autore vivente, in visita… ma nn dirò chi è :) io massimo il vino eheh

  17. Pingback: Coreingrapho » Parlerò dei miei sandali

  18. laura scarpa scrive:

    andava messa sotto la prima storia, ma ve lo posto qua.
    quel che mi scrisse un amico (e un altro mi disee, ah sì l’ho vista.. no… bella sì.. cioè aveva assai perplesità)
    ve lo dico e poi la pianto di far commenti, per un bel po’ :

    La tua storia conferma 2 cose: che scrivi troppo e che non si possono leggere fum (fum????) al compiu, non farti illusioni su ciò.
    RIPENSA LE TUE SCENEGGIATURE
    NON DEMANDARE TUTTO ALLE DISDASCALIE, PORCA MADONNA. SFANCULA IL COMPIU, VELENO.
    FAI RECITARE I PUPAZZINI, NON DESCRIVERE TU QUEL CHE FANNO, MA FAGLIELO FARE E STOP.
    SOPRATTUTTUTTUTTO:
    Occhio che sei a 1 mm dal “dolciastro a tavolino”. Melenso forse rende meglio. Non trasmetti nostalgia, dolore, estati, scoperte… surtout xkè PARLI, racconti, ciacoli, ma non disegni. Hai fatto il compitino prefisso. Insegui il carino, no il dramma. Te lo volevo già dire circa le tue cartoline tlog, ma nn posso sempre romp il kzz
    Amica mia, non volete capirlo, nessun lo vuole capire, MA SONO CAZZI. O si racconta qualcosa d’interessante, o si makkokkia. Il restyo son pippe, di queste bastonate [ secondo me non senti perchè te ne fotti].
    MORALE:
    LA MATITA E’ L’INIZIO

    ecco quel che mi scrisse zaratustra.

  19. manlio3 scrive:

    ahahahah, si makkokkia! Mò però stai bono Furmene, non scalcià, non partì ar galoppo me raccomanno!
    d.

  20. laura scrive:

    ????? °O°

  21. laura scrive:

    ah cazz, nn l’avevo letto… non l’ho toltooooo! gasp!

  22. makkox scrive:

    mannaggia oh.
    e io che mi diverto così tanto a makkokkiare. hehehe. beh, almeno l’onore del neologismo…
    cmq: dove c’è gusto non c’è perdenza.

    mi ricorda un mio amico ex calciatore che non è più possibile guardarci una partita in tv assieme. son tutte pippe, son tutti brocchi, son tutti spacconcelli, non sanno fare un cross UNO.
    porello. anche a scende le scale si deve appoggià alla ringhiera. non cià più i menischi.

  23. laura scarpa scrive:

    ihih! minchia se ci pigli!

  24. Pingback: Coreingrapho » Parlerò dei calzi miei

  25. Daniele Marotta scrive:

    Trovo la storia di laura bellissima, poetica e densa.

    Il resto sono pippe, ognuno di noi aspira alla perfezione e mai la raggiunge e le storie degli altri sono sempre più verdi, o quasi.

    Quoto la cosa dell’amico ex calciatore. Ci sono persone che trovano interessanti solo i propri peti.

    La palma va ai viaggiatori, in grado di fare, lavorare, esporsi, rischiare, sbagliare.. …le chiacchere stanno a zero.

    Bravi tutti ragazzi.

    Qui c’è ottimo fumetto,

    makkokkiare ci piacerebbe a molti, ma anche gipiare, prattare, laurascarpare eccetera. M)

  26. Daniele Marotta scrive:

    … anche flavianare ovviamont ;) …

  27. Pingback: Coreingrapho » La rivista che vagola e svongola. Nuovo coreographo (Ned) e il contest sorridente

  28. Pingback: Titolo che non mi ricordo

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>