La somma delle cose

la-somma-delle-cose

Info su Lobo

Sono nato il primo di marzo del ’75 sul tavolo del soggiorno di casa. Attualmente, adottando come copertura l’identità di architetto, mi aggiro nottetempo attorno al tavolo da disegno per tenere fede all’antica passione dell’arte sequenziale. Pubblico le mie cosette su Invento altri tempi e sul blog palermitano Rosalio. Da qualche tempo faccio anche il vignettista satirico per la rivista I Love Sicilia ().
Questa voce è stata pubblicata in Long Tales e contrassegnata con , , . Contrassegna il permalink.

26 risposte a La somma delle cose

  1. makkox scrive:

    non tanto il cofano, per cui ‘sto transfert mi risulta più difficile da comprendere, ma la portiera (noi terroni la si chiama così) degli struzzi, quella sì che riesco a capire si porti appresso gli struzzi fantasma.
    :)
    quel che m’ha roso il culo (non appena m’hai mandato la storia) è che avevo in cantiere (cioè nella capoccia assieme ad altre due o tre) una storia di macchine e carrozzieri.
    vavè.
    ti perdono.
    son magnanimo.

    però adesso ti sei tolto la verginità.
    mò dacci roba bona, senza copià e rovinà le idee dell’altri.
    :)

  2. Roberto scrive:

    See, see,
    certo, sisà che le idee buone ce le ha tutte Mak.
    Peccato che batta la fiacca e sforni col contagocce, e poi escono cagatelle,
    e poi la beata volta che c’è robba bona poi alla fine la molla a mezzo, e bon.
    Sisà.

    Tu, Lobo, invece, nun te lo filà, quello, e sforna, che sei bravo assà.

  3. laura scrive:

    acc, mi piace, ma mi manca uno stacco in più… un salto. fanne un altro.
    la solita rompicoglioni lo so, ma da un coreingrapho voglio core e coratella, per dire che sabato vado amangiare soffritto a napoli, gusti forti!

  4. Flaviano scrive:

    ciao Giuseppe!
    ti aspettavo, lo sapevo che tiravi fuori robba buona! perchè sei si architetto, ma non di quelli che passano le giornate al bar a intortarsi gli assessori. almeno credo…boh poi magari non sei manco architetto nonsisà.
    sono anche contento perchè così mo posso copiare l’uso del bianco e nero a qualcuno che qua (citofonare danfroggio per info) ci si copia le cose avvicenda (però non pure tu le foglie che cadono, varia)
    ecco magari falla una storia sugli architetti, ma gli devi scavare proprio dentro a quell’animo nero che si ritrovano.
    magari la inttoli come questa, con una N in mezzo però ;P

    benvenuto, prendi pure tutto quello che vuoi, basta che non tocchi le galatine, che se si finiscono quello mak mi va ai pazzi.

  5. Viditu scrive:

    a me invece piace, e piace anche sopratutto vedere un tratto nuovo… fa un bel sapore, su pagine che credevi già di conoscerne il gusto…

  6. Andrea V. scrive:

    Bello. Continua.

  7. Dirk scrive:

    Filosofia spiccia quella del barrrista ma d’altra parte… Bello! (Io che sono stato bocciato all’esame piango rumorosamente a vedere voi fetenti che ciavete queste mani a disegnare e io che ciavrebbi l’idee mi ritrovo come uno che si vuol far seghe e non ha il pisello….)

  8. Lobo scrive:

    Wow ragazzi non riesco a credere ai miei occhietti! E’ un onore grandissimo essere qui tra voi con le mie minchiate a fumetti!!!
    @makkox: :D guarda che io ‘sta storiella l’ho scritta cinque anni fa… quindi andiamoci piano con le accuse su chi copia :D :D :D
    @laura: sono strafelice che tu abbia commentato. Qualche anno fa, a Lucca, mi hai spiegato le tue perplessità e i tuoi consigli sul mio portfolio. Da allora, ogni volta che faccio qualcosa cerco sempre di tenere bene a mente le tue parole. :D

    Per altri: grazie grazie grazie!

  9. manlio3 scrive:

    il barista è wolverine da vecchio: egli apre le lattine di sciuepps con gli artigli di adamantio!

  10. Estebans scrive:

    bell’esordio, qui.

    ma c’è come un punto dove resto col fiato sospeso perchè m’aspeto almeno che uno degli struzzi mi stranisca col suo occhio pazzo e cattivo, o mi provochi un grugnito di dolore o spavento ficcandomi il becco al centro del cranio.

    ecco, fila via tutto autobiografico e leggero, e anche struggentino quando l’anima del metallo spige per raccontarsi sotto la patina di vernice,

    ma voglio (vorrei) dalla tua prossima storia verticale quella beccata secca e improvvisa che mi faccia trasalire un po’ di più.

    osa, direi.

    Estebans

  11. makkox scrive:

    ma non è il barista, terrone d’un terrone che mangia la zuppa di verze e cotiche e poi va a legge i post con un solo globulo rosso che jè rimasto ner cervello!
    wolverine è lo sfasciacarrozze.

    gli struzzi so’ quelli col becco.
    (hehehe)

    ridi ridi, fai battute, che poi quando tocca ar fumettello tuo…

  12. manlio3 scrive:

    Si si vabbuò lo sfasciacarrozze, mò stiamo a sottilizzare… tanto si era capito che era lui. Vuol dire che sventra i cofani con gli artigli di adamanltio, e vedi che l’ immagine funziona lo stesso. (stronzo!)

  13. elia_pippi scrive:

    un po’ “facile” emotivamente parlando, intendo!
    ma mi è piaciuta.

  14. giulia scrive:

    piaciuto. dribbla la possibilità di essere incisivo, di colpire. ok, non tutto deve farlo, ma qui bastava poco, per come l’ho sentito io.

  15. wallyci scrive:

    non ti conoscevo e sono andata a skiribillare sul tuo blog: ma sei un grande!
    l’ho guardato un po’ veloce e una cosa che m’è piaciuta assai è la recensione al film di miller: m’ha fatto ammazzare!
    tu dirai: ma sei cretina? mi commenti qui una cosa di un altro blog? no, è per dire che qui manca qualcosa che ho letto in quelle righe (e anche nella storia “il quartiere”, emozionante capolavoro). questa storia è bella, ma i lettori di questo blog son cannibali e vogliono vedere organi grondanti sangue. e tu ne hai tanto da spillare!
    quindi… ne vorrei ancora grazie :-)

  16. makkox scrive:

    minchia è arrivata giulia e so’ mazzate [giuste ihmoccassorema] a dextra e mancina.
    bene perché la sincerità è moneta sonante.
    in effetti anche wallyci esprime lo stesso giudizio sulla storia.

    qualche indicazione ne puoi trarre a Lò.

    io non dico nulla, ma mi piace l’approccio dei commentatori.
    (a parte la guarnizione pannosa di cazzate che io e altri due tre coglioni squacquariamo sul tutto).

  17. Lobo scrive:

    Okkei, recepita la lezione… La prox volta vi aggiusto io :D
    Giulia, non ho capito, alla fine ti è piaciuto o no?

  18. mamborso scrive:

    Ti ho scovato diavolo di un Lobo. Bravo!!!

  19. mirtilla scrive:

    io il Lobo lo conosco da un pezzo… ma che ne sapete voi….
    senti peeeee, ma com’è che pure qui vedo politica e disappunto???? oh, sarò esaurita ma nel cofano rosso, nella portiera verde e nella macchina bianca io ho visto l’Italia a pezzi imbellettata da un carrozziere…sbaglio???

  20. manu scrive:

    a me è piaciuta.

  21. giulia scrive:

    sì che mi è piaciuto :)

  22. Marco scrive:

    scoprire ste cose per caso… bravo ciccio ..tomizz..

  23. Lobo scrive:

    Grazie Marco!!! Presto mi rifaccio vivo su Inserto satirico :D

  24. Simone Brusca scrive:

    Incantevole!
    Sono deliziato!
    Se volete sono disponibile a tradurre i testi en français come faccio per il blog di Epictete
    http://epictete.splinder.com/
    Ciao!
    Simone

  25. jd scrive:

    scrivimi a jd@coreingrapho.com se ti va

  26. MatitaDaC scrive:

    BELLISSIMA!! La tua somma delle cose!!
    ;-)

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>